Investire all’estero: in quale nazione conviene aprire la propria azienda?

Investire all’estero può essere considerata una delle tendenze più moderne del mercato attuale. È logico che bisogna tenere presente come investire nei Paesi stranieri possa essere un rischio, però può portare ad avere dei buoni risultati nell’avviare un business di successo. Se si ha il desiderio di intraprendere un’idea imprenditoriale in un altro Paese, bisogna valutare molti fattori. Però è vero pure che trasferirsi all’estero oggi rappresenta per molti un’opportunità, considerato che l’economia in Italia sta attraversando un periodo molto difficile. Ma dove conviene di più investire? In quale Paese?

http://content.etoro.com/lp/affiliates/new_platform/?dl=30001847&culture=it-it

I migliori Paesi esteri in cui avviare un’azienda

Come ben spiegato anche su vari siti che si occupano dell’argomento, come www.marsalaoggi.it, ci sono diversi Paesi esteri in cui potrebbe essere utile aprire la propria azienda. Anche la Banca Mondiale ultimamente si è occupata del tema, elencando i 10 migliori Paesi in cui conviene investire.

Ci sono anche dei Paesi europei. Il primo, che troviamo al quarto posto della classifica internazionale, è la Danimarca. Al sesto posto troviamo la Norvegia, al settimo il Regno Unito e in ottava posizione la Finlandia.

La top ten comprende diversi altri Paesi al di fuori dell’Europa. Spicca fra tutti, al primo posto della classifica della Banca Mondiale, Singapore, seguito dalla Nuova Zelanda e da Hong Kong. Al quinto posto troviamo la Corea del Sud e chiude la classifica l’Australia, al decimo posto.

Perché è più facile investire all’estero

Molti imprenditori hanno sperimentato tutti i vantaggi di aprire la loro azienda all’estero soprattutto per quanto riguarda le possibilità che possono essere garantite in termini di tassazione. È risaputo che spesso molti si lamentano in Italia per la grande pressione fiscale esercitata da parte del Governo.

In molti altri Paesi invece il sistema delle imposte è decisamente più leggero. Vengono applicate meno tasse, esiste una pressione fiscale decisamente migliore. Ecco perché molti decidono per esempio di trasferirsi alle Canarie o in altri Paesi considerati dei veri e propri paradisi fiscali, come per esempio Dubai.

In fin dei conti oggi il web costituisce un’opportunità in più da sfruttare, anche per lavorare in maniera facile e veloce dall’estero, senza vincoli fisici con il territorio italiano. Tutto ciò consente alle aziende anche italiane di investire una maggior quantità di capitale e di poter trovare più occasioni per far fruttare i relativi guadagni.

Ma non si tratta soltanto delle aziende, perché anche i privati traggono opportunità maggiori dall’investire all’estero. Per molti, anche per persone in pensione, vivere e intraprendere un’attività in altri Paesi fuori dall’Italia potrebbe costituire una possibilità importante per cambiare vita e vivere in un certo benessere economico.

Non a caso la scelta di vivere e lavorare fuori dall’Italia oggi è fatta da diversi connazionali, che hanno deciso di non perdere l’occasione di vivere meglio dal punto di vista economico. Per le aziende investire all’estero apre diverse prospettive nuove e molto interessanti specialmente per il futuro, a meno che in Italia non ci si decida a gettare le basi per la costruzione di una maggiore prosperità che andrebbe a vantaggio della collettività.

Add a Comment