Quanto guadagna un imbianchino

Chiedersi quanto guadagna un imbianchino è molto interessante, dal momento che moltissime persone necessitano delle prestazioni di questo tipo di professionisti, cerchiamo dunque di fornire una risposta precisa.
Da questo punto di vista è fondamentale fare subito una distinzione, ovvero quella tra lavoro dipendente e lavoro autonomo.

http://content.etoro.com/lp/affiliates/new_platform/?dl=30001847&culture=it-it

Cosa l’imbianchino dipendente di una ditta

Nel caso in cui un imbianchino operi alle dipendenze di una ditta, egli sarà retribuito dalla medesima secondo quanto stabilito dal contratto nazionale di riferimento.
Come noto in ogni mestiere vi sono delle retribuzioni ufficiali che devono necessariamente essere rispettate da parte delle imprese che assumono, e le medesime variano in base al settore in cui l’azienda opera, in base alle mansioni del lavoratore e anche in base al cosiddetto “livello” di appartenenza.

L’imbianchino libero professionista

È allo stesso tempo molto frequente che gli imbianchini operino come liberi professionisti, ovvero come ditte individuali, e da questo punto di vista il loro guadagno può rivelarsi variabile.
Un lavoratore autonomo infatti può stabilire liberamente il prezzo delle sue prestazioni orarie, e i clienti dal loro canto possono accettarle o meno; alla luce di questo è senza dubbio un iter corretto quello in cui il professionista fornisce un preventivo gratuito e senza impegno, scongiurando così l’eventualità che il cliente, che si tratti di un’azienda o di un privato, si ritrovi a dover sostenere delle spese inattese.
Ovviamente l’imbianchino è tenuto ad emettere regolare fattura e a pagare le tasse sulle prestazioni svolte, e questo è importante specificarlo, dal momento che in questo settore può assolutamente accadere che ci sia chi opera in modo irregolare, ovvero a nero e senza rispettare le norme di sicurezza più basilari.
Da questo punto di vista dunque anche il cliente ha delle responsabilità, e deve evitare di accettare prestazioni non regolari sotto qualsiasi punto di vista.

L’imbianchino autonomo, un’autentica ditta individuale

Per quanto riguarda gli imbianchini che operano come lavoratori autonomi le tariffe orarie possono essere disparate: come detto ogni professionista è libero di scegliere in autonomia le sue tariffe, allo stesso tempo bisogna considerare anche che l’imbianchino ha dei costi i quali gravano inevitabilmente sul prezzo del servizio.
Se ci si rivolge a un imbianchino egli dovrà infatti mettere a disposizione le vernici, gli strumenti, il mezzo per il trasporto di tutto ciò che gli è necessario… l’imbianchino libero professionista opera dunque proprio come se fosse un’azienda, dunque nelle tariffe da proporre ai suoi clienti dovrà necessariamente tener conto anche dei costi.

L’imbianchino titolare di un’impresa

Vi è anche una terza opzione da considerare se ci si chiede quanto guadagna un imbianchino: può accadere infatti che si ingaggi un imbianchino a capo di una ditta, quindi un’impresa che intervenga con un team di professionisti.
Abbiamo chiesto un parere al titolare di una azienda edile proprietaria del portale di edilizia https://www.ilportaledellimbianchino.com/ . In questo caso tra i costi dell’azienda devono essere necessariamente considerati anche i salari dei lavoratori dipendenti: rivolgendosi a realtà come queste il costo orario della prestazione sarà più alto, questo è ovvio, allo stesso tempo però è verosimile immaginare che il lavoro verrà effettuato in un tempo inferiore rispetto a quello che si dovrebbe prevedere ingaggiando un unico imbianchino.

Se ci si chiede quanto guadagna un imbianchino si può affermare con decisione che questa professione è retribuita piuttosto bene, tuttavia ovviamente chi opera come lavoratore autonomo o come libero professionista deve essere in grado di procurarsi dei clienti e di costruire un buon business, e ciò non è sempre semplice, soprattutto in periodo di crisi e in quelle città in cui la concorrenza è particolarmente accesa in questo settore.

Add a Comment