Come scegliere la carta di credito per liberi professionisti

I liberi professionisti hanno tra le priorità quella di ottimizzare le operazioni finanziarie, mantenendo dei costi interessanti e ottenendo la possibilità di svolgere le regolari e quotidiane attività bancarie dettate dalla condizione professionale.

http://content.etoro.com/lp/affiliates/new_platform/?dl=30001847&culture=it-it

Ecco allora che nasce l’esigenza di avere una carta di credito ad hoc, o che perlomeno sia quasi tale, in modo da poter da un lato difendere e tenere controllato il proprio conto economico e dall’altro riuscire a massimizzare le necessarie operazioni bancarie quali bonifici, depositi per la propria attività, ricariche telefoniche o pagamenti delle utenze.

La carta di credito per i liberi professionisti deve pertanto essere innanzitutto sicura, data la quantità di operazioni che deve supportare, e flessibile nel senso che deve saper rispondere a quante più necessità si presentano nella situazione professionale dell’intestatario.

Scegliere la carta di credito non è così facile per un professionista, in quanto proposte e condizioni sono davvero innumerevoli; innanzitutto, ormai ricordiamo che praticamente tutti gli istituti bancari con le carte di credito garantiscono due importanti servizi che sono il bollo gratuito per l’intestatario in quanto pagato dalla banca stessa e il canone azzerato alla soglia indicata degli accrediti.

Ma a parte queste due facilities, ormai entrate nella normale proposta, i fattori che fanno la differenza nella scelta sono le offerte che rispondono alle singole esigenze dei professionisti.

Valutare le necessità per scegliere la carta di credito giusta

Innanzitutto è bene ricordare che la priorità per un libero professionista è che la carta di credito sia un mezzo fluido e veloce per svolgere le attività bancarie legate alla professione e la possibilità di gestire separatamente le spese personali e le spese legate all’attività professionale, come per il caso della carta Professional di Diners Club.

Inoltre è un bene confrontare le proposte dei diversi istituti: spesso a parità di condizioni, alcune banche offrono agevolazioni o promozioni più interessanti di altre e avere un risparmio non è certamente da sottovalutare nel management economico di un’attività.

Per quanto riguarda le proposte contenute nelle carte per professionisti, negli ultimi anni soprattutto, le banche ne offrono diverse:

  • ottimizzazione delle spese aziendali;
  • controllo delle spese non solo con estratto conto e homebanking ma anche attraverso messaggistica sul cellulare;
  • offerta di software dall’utilizzo semplice, che consentono le gestione della fatturazione o l’archiviazione di documenti fiscali.

Alcune tipologie di carte offrono vantaggi come buoni acquisto per il carburante o gli acquisti online, o ancora sconti particolare in agenzia viaggi qualora l’attività necessiti di frequenti spostamenti; infine nel caso di attività commerciali, alcune carte di credito offrono il pos per i pagamenti.

Insomma, le opportunità sono davvero molteplici: una volta definite le reali esigenze, non resta che valutare la carta che riesce ad esaudirle in toto o quasi.

Add a Comment